Riprende dall’Omodeo e dai comuni del Barigadu e del Guilcer il discorso avviato con la ricerca “SPOP istantanea dello spopolamento in Sardegna”, realizzata da Sardarch con il sostegno e il patrocinio della Fondazione di Sardegna. Dopo la pubblicazione dell’indagine (edita da LetteraVentidue), che ha analizzato il fenomeno della desertificazione demografica di molti centri dell’isola ed elaborato diversi spunti di riflessione grazie al contributo di intellettuali e studiosi di livello nazionale e internazionale, si apre ora il dibattito al territorio con  “SPOP – CAMPUS OMODEO”: cinque giornate di workshop, dibattiti, attività culturali e progettualità sul tema dello spopolamento in Sardegna in programma da martedì 5 a sabato 9 Settembre 2017 presso il Novenario di San Basilio, nel Comune di Nughedu Santa Vittoria che ha fortemente sostenuto l’iniziativa.

Omodeo poster

Il campus, coordinato da Sardarch e da Desilab Elisava – Desis network della Escuela Universitaria de Diseño e Ingeniería de Barcelona in collaborazione con la Fondazione di Sardegna, ha l’obiettivo di definire proposte in grado di riattivare il tessuto economico e sociale del territorio. Attraverso laboratori di co-produzione e co-design organizzati in gruppi multidisciplinari, ventiquattro tra studenti e giovani professionisti (di età compresa tra i 22 e i 37 anni e provenienti dai campi dell’architettura e dell’urbanistica, delle scienze umane e politiche, dei beni culturali, dell’economia e dello sviluppo locale) lavoreranno all’ideazione di servizi concreti per le comunità da proporre nelle unioni dei comuni del territorio.

Le tematiche a cui lavoreranno riguardano:

  1. Cooperative di comunità e servizi per l’invecchiamento attivo
  2. Riuso del patrimonio architettonico
  3. Economia locale, agricoltura e slow food
  4. Turismo morbido e accoglienza diffusa

Gli studenti saranno ospitati nelle suggestive strutture del Novenario di San Basilio allestite in modo molto essenziale per accogliere un’esperienza di comunità.

Le attività dei gruppi saranno supportate da tutor di grande esperienza professionale e ricerca nelle tematiche affrontate e da una equipe della associazione Clabber Unica che curerà gli aspetti della comunicazione e delle dinamiche di gruppo. In particolare i partecipanti lavoreranno alla ideazione di servizi per la comunità da proporre nelle unioni dei comuni del territorio insieme a Pino Frau, già dirigente della ASL dell’Ogliastra e animatore di Abitaresociale; Ilda Curti, già assessora all’integrazione e alla rigenerazione urbana del Comune di Torino; Paolo Ghisu, già responsabile del Agriculture Programme dell’ICTSD di Ginevra; Paolo Guarnaccia, agronomo presidente dell’Aiab Sicilia, Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica ; Alessio Satta, fondatore di MEDSEA Foundation.

Ogni giorno si terrà una lectio magistralis per ognuna delle tematiche oggetto di studio sulle sponde del lago Omodeo.

Sabato 9 settembre, a partire dalle 10, si terrà l’evento finale aperto al pubblico che vedrà la presentazione dei progetti ai rappresentanti delle istituzioni, e – dalle 19 fino a tarda sera – una festa di chiusura organizzata in collaborazione con il festival letterario “Sulla terra leggeri” e il festival musicale “Here I stay”, animata da musica, letture e dalle video installazioni di Stefano Ferrando, Vincenzo Ligios e  Gianluca Vassallo.

Spop Campus Omodeo programma

La partecipazione al campus è aperta a quanti sono interessati al tema nei seguenti momenti:

Martedì 5 settembre – Nughedu Santa Vittoria, Novenario di San Basilio

19:00 Il turismo della seconda cosa: costruire esperienze oltre le spiagge
> con Alessandra Cappai

Mercoledì 6 settembre – Nughedu Santa Vittoria, Novenario di San Basilio

19:00 Pratiche di ri-costruzione e ri-generazione dei piccoli paesi
> con Federico Verderosa

Giovedì 7 settembre – Norbello, Dimora storica di casa Deriu in collaborazione con Teatrando a Corte

18:30 Il valore della terra: dal consumo inconsapevole al piano del cibo
> con Serafino Casula, Paolo Guarnaccia, Virginia Lombardi, Sa Laurera , Roberto Serra modera Paolo Ghisu

20:30 Spettacolo “Esodo” tributo a Sergio Atzeni, di Valentino Mannias
> produzione Sardegna Teatro

Venerdì 8 settembre – Nughedu Santa Vittoria, Novenario di San Basilio

19:00 Comunità cooperative. Il valore sociale per rigenerare economie di luogo
> con Jacopo Sforzi

21:00 Proiezione documentari: “Start Up! Cosas Galanas (Le cose belle)” con Tiziana Cipelletti e “Il filo della memoria” con Andrea Pecora

Sabato 9 settembre – Nughedu Santa Vittoria, Novenario di San Basilio

10:00 Presentazione progetti SPOP CAMPUS OMODEO

12.00 Saluti del presidente della Fondazione di Sardegna Antonello Cabras
>>> Spopolamento: una questione politica?
> con Francesco Pigliaru, Emiliano Deiana, Romina Mura, Bruno Murgia

13:30 Pranzo tipico Nughedese (per prenotazioni Nughedu Welcome – 347 164 7687)

15:00 Presentazione Video Installazioni
> Stefano Ferrando – Istantanee dello spopolamento in Sardegna
> Vincenzo Ligios – 365NSV (teaser)
> Gianluca Vassallo – Dorso (progetto site specific)

16:00 Presentazione Patto Rurale Nughedu Santa Vittoria

17:00 Pratiche territoriali di cultura, innovazione e sostenibilità: Rumundu – Social Innovation school, Matera2019, Ciclovia VENTO
> con Stefano Cucca, Emmanuele Curti, Paolo Pileri

19.00 Street food: Armentu a cura di Nughedu Welcome

20.00 Rock’n’Roll letterario con gli Scrittori da Palco
> in collaborazione col festival Sulla Terra Leggeri

21.00 Pussy Stomp live + Fratellanza R’N’R djset
> in collaborazione col festival Here I Stay

Il progetto è patrocinato e sostenuto da Fondazione di Sardegna, ARS – Arte Condivisa in Sardegna, Comune di Nughedu Santa Vittoria, Regione Autonoma della Sardegna, ANCI Sardegna, Università degli studi di Cagliari, Università degli studi di Sassari, Clabber Unica, Here I Stay, Nughedu Welcome, Rumundu, Sardegna Teatro, Sartapp, Stefano Ferrando, Storyville, Sulla Terra Leggeri, Su Ferreri, Su Palatu Fotografia, VENTO, White Box Studio.

Per informazioni info@sardarch.it