L’Exmè, un tempo mercato civico nonché unica attività commerciale pianificata del quartiere di Santa Teresa a Pirri, dopo un lungo periodo di abbandono e di degrado, dalla fine del 2012 è stato restituito alla collettività con un progetto della fondazione Domus de Luna, che ha attuato la costruzione di un luogo di incontro aperto a tutti, giovani e non solo, dove l’arte nelle sue espressioni più diverse diviene mezzo di aggregazione e di riappropriazione della dimensione pubblica.

L’Exmè ha posto le basi affinché nuove dinamiche sociali si riaffermassero tra gli abitanti di Santa Teresa, nel tentavo di eliminare la cesura esistente tra il quartiere e i suoi dintorni, rispetto ai quali era percepito come un elemento alieno. Le attività proposte nei diversi laboratori, la cui frequenza è del tutto gratuita, mirano alla riaffermazione di un senso di appartenenza a una dimensione urbana basato sulla condivisione e la cura degli spazi comuni. I laboratori sono tenuti da professionisti in varie discipline, molte delle quali strettamente legate agli spazi aperti della città: parkour, writing, percussioni industriali su bidoni, ed ancora canto, ballo, calcio, basket e tante altre, attivate nei diversi periodi dell’anno.

I ragazzi, così come mi spiega Diletta, una delle operatrici del centro, vengono sensibilizzati alla cultura del riciclo e della sostenibilità, tema fondamentale in un quartiere dove il decoro urbano deve porsi come riflessione di prim’ordine per il suo futuro recupero. Infatti, gran parte degli arredi dell’Exmè sono frutto del lavoro svolto nel laboratorio di riciclo creativo, dove gli oggetti dismessi sono ricondotti a nuova vita. La sensibilizzazione a queste tematiche è portata avanti in collaborazione con le insegnanti della vicina scuola media Dante Alighieri, le cui attività di doposcuola sono ospitate all’interno dell’Exmè.

MVI_0697

Il laboratorio di writing, a cui hanno collaborato in qualità di docenti i più affermati professionisti di Cagliari, tra cui Crisa, Manu Invisible, La Fille Bertha, UfoeConan, permette ai giovani di sviluppare il loro progetto, dapprima abbozzandolo su carta e poi realizzandolo sui muri perimetrali dell’edificio e sulle recinzioni. All’Exmè vige la legge della strada: le opere realizzate non sono mai ricoperte per far spazio ad altri graffiti, ma restano come testimonianza del passaggio dei ragazzi del quartiere. Abitare quel luogo che diventa una seconda casa, un luogo dove il gesto di ognuno contribuisce alla costruzione di un’identità e di un senso di appartenenza.

MVI_9594

Sono tante le opportunità di partecipazione rivolte a tutti i cittadini: il ciclo mensile di incontri e seminari sui diritti e la cura dei minori “un giorno migliore sarà”; la possibilità di fruizione delle sale di registrazione musicale dotate di tutte le attrezzature tecniche; iniziative di vario genere volte ad aprire gli spazi in occasione dei saggi finali dei laboratori o semplicemente concedendo l’uso dell’auditorium per incontri di quartiere. L’Exmè si pone come centro di attrazione ludico e ricreativo ma soprattutto culturale ed educativo; l’intento è sempre quello di estendere la sua influenza coesiva a tutti gli abitanti di Pirri.

MVI_0700

L’Exmè supporta inoltre diversi progetti incentrati sul quartiere. Uno di questi, proposto da alcuni writers della città di Cagliari, prevede di rinnovare con dei murales i prospetti delle palazzine di Santa Teresa, concepite come opere d’arte tridimensionali. L’arte come strumento di riattivazione del quartiere, non solo sul piano meramente estetico, ma anche come gesto dalla forte connotazione sociale.

Tale riconversione sociale attuata in questi anni ha fatto in modo che la funzione originaria del mercato fosse riportata all’interno del quartiere con la presenza della Coldiretti, che ogni mercoledì si riunisce nel piazzale antistante l’Exmè, divenendo occasione di incontro e di socialità.

Santa Teresa è parte della città è luogo di “scambio di beni, informazioni e sentimenti” (1), che aspetta di essere scoperto e visitato.

Lino Cabras

(1) Choay Françoise, Le Règne de l’urbain et la mort de la ville, 1994;

+info

http://www.domusdeluna.it

http://www.domusdeluna.it/exme.html

https://www.facebook.com/exme.domusdeluna